BARBERA BIONZO ASTI SUPERIORE DOCG “LA SPINETTA” di Francesca Fiocchi e Carlo Aguzzi

Per i Rivetti il futuro della grande Barbera piemontese – rigorosa da queste parti la declinazione al femminile, cui vi ricorrono negli anni anche esperti e scrittori: da Mario Soldati a Paolo Monelli – è sicuramente Asti. Siamo a Castagnole delle Lanze, azienda La Spinetta, per la seconda delle nostre degustazioni: la loro famosa Barbera Bionzo, un Asti Superiore Docg, barbera in purezza. Il vitigno autoctono più diffuso in Piemonte raggiunge la sua massima espressione nell’Astigiano se affinato in barriques per periodi piuttosto lunghi. Il disciplinare di produzione prevede l’utilizzo anche di una parte di uve freisa, grignolino e dolcetto, ma ultimamente sempre più produttori la vinificano in purezza per valorizzarne al meglio l’alto potenziale qualitativo, segnando uno strappo netto con un passato un po’ meno glorioso che la associava a vini di minor pregio – e proprio per questo veniva pagata molto poco – visto che non poteva conferire il blasone del Barolo o del Barbaresco. Sarebbe bastato gettare lo sguardo un po’ più in là per capire che con un lavoro diverso in vigna si sarebbero potuti raggiungere grandi risultati: il segreto era, semplicemente, abbassare le rese per ettaro, come alcuni bravi vignaioli hanno da qualche tempo cominciato a fare, alzando l’asticella qualitativa. Diminuendo le rese si crea armonia con le acidità, che nel Barbera sono molto elevate e che in passato sfuggivano di mano dando vita a vini squilibrati, in mancanza di una struttura e di un corpo che fungessero da spina dorsale. Oggi la Barbera sa essere un grande vino, anche grazie a vigneti molto vecchi in grado di conferire rotondità e risultati eccellenti. 

barbera bionzo spinetta

Bionzo, da cui la famiglia Rivetti ricava una Barbera di razza, è una frazione del comune di Costigliole d’Asti. La Barbera di questo vigneto- 5 ettari a 300 metri sul livello del mare, con viti che arrivano anche a cent’anni di età – è in produzione dal 2003 e quindi l’azienda, avendo ottenuto il requisito di storicità, può riportarne il toponimo in etichetta. Tutte le Barbera de La Spinetta escono a tre anni dalla vendemmia per domare, con l’affinamento – diciotto mesi in barriques di rovere francese di media tostatura – l’esuberanza del vitigno e ottenere un vino barricato potente e rotondo, molto minerale, con una buona struttura, un bouquet ampio e una nota seducentemente speziata. La Barbera Bionzo è una delle migliori interpretazioni di questo vitigno così versatile. Degustiamo l’annata 2011: gradazione alcolica 14,5%, acidità totale 6,5%, ph 3,6, 36mila bottiglie annue e 2500 la resa per ettaro. Dopo l’affinamento in barriques, il vino è trasferito in vasche d’acciaio, dove rimane per sei mesi prima dell’imbottigliamento, cui ne seguono ulteriori sei in bottiglia per potere essere commercializzato. Al naso è pieno, con profumi vegetali e una piacevole nota minerale in sottofondo: una bella espressione di quello che può dare la Barbera d’Asti. All’esame visivo si presenta di un granato intenso e impenetrabile. In apertura predomina un bouquet fruttato e floreale di ciliegia e violetta, che poi cede il passo al ribes nero, ai mirtilli e alle prugne surmaturi, al cioccolato fondente e a una nota terziaria complessa di vaniglia, cacao e tabacco, cui se ne aggiunge una balsamica. In bocca il corpo è pieno e robusto e il tannino, che ben si avverte, non lega ma è piacevolmente setoso. L’ottima acidità conferisce freschezza e risulta ben equilibrata dall’alcol e dal passaggio in legno, che regala tannini morbidi e rotondità, mitigando le “durezze”. Una Barbera sicuramente da lungo invecchiamento. Ideale per esaltare un buon risotto al Castelmagno o una tartare di Fassona con tartufo. In questo Piemonte dalle mille meraviglie…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...