WORLD TAPAS DAY, LA SPAGNA IN TAVOLA

Il sapore della Spagna a Milano. Ma anche a Roma, Berlino, Parigi, Londra, Stoccolma e ancora Toronto, New York, San Paolo, Mumbai, Buenos Aires: in totale trenta i Paesi nel mondo che si preparano a festeggiare in simultanea il “Dia Mundial de la Tapa”, il prossimo 16 giugno. Una giornata mondiale, lanciata con successo nel 2010 da Turespana, dedicata alla divertente e ormai social tradizione spagnola della cucina in miniatura della convivialità, con assaggi a base di stuzzichini iberici, degustazioni, show cooking, laboratori di cucina per bambini e famiglie nei locali aderenti all’iniziativa (in Italia i tapas bar sono ormai di tendenza). Un modo per promuovere la cultura gastronomica spagnola e incentivare il turismo locale attraverso la fantasiosa e colorata gastronomia del territorio – l’hashtag usato a livello internazionale per questa giornata è #Tapasday.2016-06-07 10.37.05 (1)Tapa protagonista in numerosi locali, alberghi, bar e ristoranti, che proporranno abbinamenti particolari, e anche una versione personale il più possibile vicina all’originale, con sfiziosi aperitivi iberici che diventano veri e propri lunch o cene. A Roma la giornata si concluderà con un evento privato alla Real Academia de Espana, al Gianicolo, ospite Luis Veira, chef corunes del ristorante Arbore de Veira, in Galizia. 2016-06-07 10.38.04La tapa, che appartiene all’avanguardia della cucina occidentale, è una piccola porzione di food per accompagnare in allegria un bicchiere. È una sorta di appetizer da abbinare a vino, birra o sidro e può essere servita calda o fredda, con pane tostato, in terrine di terracotta o con varie personalizzazioni locali. In genere sono spiedini di maiale o di pollo marinato, pesce fritto, tortillas di cipolle o di patate, assaggi di formaggi locali di pecora. Ogni volta che l’intero gruppo ordina una bevanda in accompagnamento si parla di “ronda”. E “tapa” è la prima parola che si impara in Spagna. Fil rouge nelle varie declinazioni internazionali sono la qualità degli alimenti, il sapore, l’ambiente, l’informalità del servizio, il mangiare e il bere in piedi vicino al bancone e la socialità. L’espressione “tapear” è di uso ormai comune e indica tutto questo universo: godersi la vita, la buona compagnia,  il cibo e il vino.2016-06-07 10.36.32Qualche esempio di tapas? Da provare sono le patatas bravas, decisamente piccanti, o quelle rugose delle Canarie accompagnate da salsa mojo; il prosciutto iberico al coltello (jamon serrano), stuzzicante con picos e colines; le olive ripiene con acciughe e peperoni; il pa amb tomaque, ossia pane, pomodoro, olio di oliva e sale, ma si può aggiungere anche prosciutto, salumi, tortilla o formaggio; i chorizos o sanguinacci; il polpo alla gallega; straordinari formaggi come il Manchego di Castiglia-La Mancia, l’Idiazabal dei Paesi Baschi, il Roncal di Navarra o il Majorero delle Canarie. Se avete prenotato una vacanza in Spagna non fatevi mancare una tappa a El celler de Can Roca, dei fratelli Roca, a Girona, miglior ristorante del mondo secondo Restaurant Magazine, dove assaporare l’arte culinaria del territorio. E i vini? I più famosi sono i rossi corposi e strutturati della Rioja, ma in tutta la Spagna si possono trovare vini di piccoli produttori a un ottimo rapporto qualità-prezzo. Un suggerimento per uno stuzzichino personalizzato è il rosso catalano L’Infant de Porrera della bodega Parmi Priorat, da uve carinena e garnacha, annata 2006 o 2007, con maiale nero di Parma. Superlativo!

download

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...