LA VENDEMMIA DI VIA MONTENAPOLEONE, TRA SHOPPING E DEGUSTAZIONI GRIFFATE di Francesca Fiocchi

Montenapoleone, amata o odiata. Sicuramente non per tutti. Immortalata anche da Carlo Vanzina con tutto il suo carico di glamour. Chi non si ricorda Carol Alt, Renee Simonsen e Marisa Berenson tutte ingioiellate da far invidia nella commedia Via Montenapoleone, andata in onda più e più volte? La via salotto della Milano bene e del sogno, tres chic, esagerata, per molti eccessiva. “Chi viene a Milano deve passare per Montenapoleon…”, cantava Peter Van Wood. Soprattutto in questa settimana, di inizio autunno, con le boutique dei principali luxury brand che strizzano l’occhio a bottiglie di vino nazionali ed internazionali prestigiose. Cantine in vetrina potremmo dire. L’occasione ideale per degustare un calice di vino con leggerezza, tra amici. “Leggerezza” parola magica, perché ci vuole anche un po’ di sana leggerezza nella vita, guai a prendersi troppo sul serio. L’evento in questione è La Vendemmia di Via Montenapoleone, organizzato dall’associazione Via Montenapoleone in collaborazione con il Comitato Grandi Cru d’Italia. Sì perché la vendemmia non si fa più solo in vigna. Ma si veste da gran sera, con le sue etichette più prestigiose, per un brindisi direttamente in boutique o negli atelier. Per il settimo anno. Coinvolgendo tutto il Quadrilatero della moda. Un’altra imperdibile occasione per diffondere la cultura del vino, perché non scordiamoci che la poesia di un bicchiere di vino è il vero lusso italiano: trovare un po’ di tempo per se stessi, per scambiarsi emozioni, convivialità, savoir vivre.

charity-auction_6866

charity-auction_7110

Si comincia domani fino a domenica. Tanti gli eventi: percorsi degustativi, shopping experience, visite alle cantine e un’asta benefica di vini di Christie’s. I ristoranti di Milano per tutta la settimana propongono a prezzo speciale il menù “La Vendemmia”, abbinandolo a un calice di vino. Molti gli eventi esclusivi anche negli hotel più rinomati della città. Da non perdersi al Bulgari la degustazione accompagnata da finger food e grandi vini rossi: Sotirio 2009 di Pordenuovo a Palazzone, la tenuta che Paolo e il figlio Giovanni Bulgari possiedono, coadiuvati da Riccardo Cotarella; Brunello di Montalcino riserva Pianrosso 2010 di Ciacci Piccolomini d’Aragona; Barolo Campè 2012 La Spinetta; Amarone della Valpolicella 2010 di Dal Forno. O il trattamento Armani/Spa Autumn Beauty Day che prevede pacchetti benessere ispirati alla vendemmia. Al Four Seasons, invece, debutterà il nuovo cocktail Sparkling Harvest, con champagne Pommery e succo di uva fragola o mosto d’uva, che sarà servito ogni sera abbinato a un risotto differente nello splendido giardino interno.

la-vendemmia_3265

dsc_0030

E nelle vie del Quadrilatero? Si spazia dalle bollicine ai grandi rossi italiani come Barolo e Brunello ai grandi bianchi fermi. Vediamone alcuni. Da Santoni, che ha appena aperto uno spazio molto glamour al Fondaco dei Tedeschi a Venezia, è possibile farsi conquistare oltre che dalle sue calzature, connubio di arte e artigianalità, dalle bollicine di Pommery con la famosa etichetta Brut Apanage, uno champagne di carattere vista l’alta percentuale di vini riserva che lo compongono. Classe ed eleganza anche da Versace con il prestigioso Gavi dei Gavi (Etichetta nera) de La Scolca, di Chiara Soldati. L’accoglienza da Ferragamo Uomo – e non poteva essere altrimenti – è con i vini di Castiglion del Bosco, la tenuta da sogno, per vacanze di lusso, acquistata da Massimo e Chiara Ferragamo nel 2003 a nord-ovest di Montalcino, nel parco della Val d’Orcia. Presenti all’appello anche i vini della tenuta Prima Pietra, nell’alta Maremma, vicino Bolgheri per intenderci.

la-vendemmia_3294

la-vendemmia_3508

Da Officine Panerai alla presentazione dei nuovi orologi Luminor Due sarà possibile incontrare l’eccellenza della tenuta toscana Luce della Vite, che proporrà Luce, uno strepitoso blend di sangiovese e merlot frutto dell’incontro visionario tra Vittorio Frescobaldi e Robert Mondavi, nelle due strepitose annate 2006 e 2013, e Lucente, il secondo vino di Luce, da una selezione degli stessi vigneti, affinato 12 mesi in barrique.

la-vendemmia-b

la-vendemmia_3214

Moncler fa respirare un po’ di Trentino con la Tenuta San Leonardo. Da Ermenegildo Zegna, invece, il Trentino è firmato Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 2005, delle cantine Ferrari, azienda che è stata scelta per il brindisi ufficiale della 68ma edizione degli Emmy Awards a Los Angeles. Fedeli ospita la casa vinicola laziale Casale del Giglio. Allo spazio Venini, con il suo percorso espositivo tra arte, colore e passione per il vetro,  è presente la Sicilia con la tenuta Valle dell’Acate. Un consiglio: da provare il loro famoso Cerasuolo di Vittoria Docg! Cusumano, e la magia dell’Etna formato bottiglia, fa tappa alla boutique Sutor Mantellassi, dove stile e calzature vanno a braccetto.

Tutt el mond a l’è paes, semm d’accord, ma Milan, l’è on gran Milan”… E via Montenapoleone è sempre e comunque via Montenapoleone. Il sogno continua. Tra fiaba e realtà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...