BAROLO…DA COLLISIONI

A Barolo è tempo di Collisioni. Nona edizione. Uno dei festival AgriRock più famosi al mondo, con un programma ogni anno ben nutrito e diversificato. Una parte musicale di incontri e concerti con artisti nazionali e internazionali, l’altra metà dedicata al wine&food di qualità. La parte enogastronomica quest’anno si allarga grazie a Ian D’Agata e al suo Progetto Vino, la parte accademica e di studio delle eccellenze vinicole italiane, giunta alla quinta edizione. Non mancherà la maratona enogastronomica del palco Wine&food, dove si terranno degustazioni in musica interattive, assaggi “a fumetti” e incontri con produttori, food blogger, giornalisti, sommelier, cuochi e barman pluripremiati. Da venerdì 14 a martedì 18 luglio le Langhe saranno, quindi, teatro di una serie di eventi musicali e culturali con concerti, incontri, dibattiti, convegni e degustazioni d’autore. Tra un calice di buon vino e l’altro ci sarà anche il tempo per godersi il live musicale di Robbie Williams (il 17 luglio) e il Premio Nobel cinese per la Letteratura Gao Xingjian, che aprirà la manifestazione nel week-end. Per quanto riguarda i concerti si parte venerdì 14 con Daniele Silvestri, Carmen Consoli e Max Gazzé. Il 15 luglio Elisa incontrerà il pubblico mettendosi a “nudo”. Ma ci saranno anche Renato Zero (18 luglio), i Placebo e gli Offspring. L’elenco completo con tutte le date sono sul sito ufficiale del Collisioni Festival 2017.

FB_IMG_1499895580108

FB_IMG_1499896022194

FB_IMG_1499896030165

Quest’anno sarà presente per la prima volta il Consorzio dell’Asti DOCG, con l’Asti Spumante e il Moscato d’Asti, due eccellenze di Langa e Monferrato, l’occasione sarà anche quella di scoprire in anteprima l’Asti Spumante secco. Quindici i consorzi di tutela coinvolti e più di 160 cantine da 16 regioni italiane. Sabato 15 due le maratone del vino in calendario: la prima sulla Basilicata e sull’Aglianico del Vulture, che ospiterà anche alcune tra le migliori aziende di Barolo; la seconda con Michael Apstein, colonnista e wine critic per WineReviewOnLine.com, che parlerà di vino e salute. Il 16 luglio la giornata sarà dedicata alle Marche e alle sue tipicità (dalle olive all’ascolana al Verdicchio docg) e alle degustazioni dei vini bianchi del consorzio Barbera d’Asti e dei vini del Monferrato, in abbinamento al prosciutto San Daniele e alle specialità Dop di Assopiemonte. Il food siciliano incontrerà, invece, lo spumante metodo Classico Alta Langa. In chiusura l’appuntamento dedicato al Prosecco e ai finger food piemontesi. Tra gli ospiti anche lo chef Antonino Cannavacciuolo.

FB_IMG_1499894567386

(In foto, Donatella Cinelli Colombini con Ian D’Agata)

FB_IMG_1499894583467

FB_IMG_1499895603570

Venerdi 14 luglio Donatella Cinelli Colombini sarà presente con le Donne del vino, per la precisione 14 vignaiole appassionate, per parlare di scelte coraggiose relative alla coltivazione e vinificazione di vitigni rari quasi estinti, nell’ambito del Progetto Vino curato da Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy e uno dei massimi esperti al mondo di vitigni autoctoni (suo Native Wine Grapes of Italy, unico libro scritto da un italiano ad aver vinto il premio Louis Roederer International Wine Awards Book). In platea giornalisti, sommelier, ristoratori e wine educator. Vitigni rari che sono sempre più presenti nell’alta ristorazione, attenta alla ricerca di prodotti di nicchia. Vitigni che sono l’espressione più autentica della territorialità e costituiscono un patrimonio che annovera oltre 800 biotipi. Per capirne il valore basta pensare che i vini francesi sono prodotti da 15 varietà, i californiani da 7-8. E da sempre le donne, merito forse di una innata sensibilità e cura dell’estetica, sono custodi di questi valori:  tutte le cantine italiane guidate da donne hanno almeno una vigna in cui vene coltivata un’uva autoctona. Alla degustazione venerdì pomeriggio parteciperanno una trentina di esperti da tutto il mondo: Singapore, Corea, Stati Uniti, Dubai, Australia, Canada, Russia. <<Da noi le donne sono impegnate nella difesa e valorizzazione dei vitigni italiani, quelli più rari contano meno di 50 ettari vitati. Sono scelte coraggiose, di investimento a lungo termine, che vogliamo raccontare al mondo: abbiamo cominciato durante l’ultimo Vinitaly e continueremo. Con la passione e la voglia di fare che ci contraddistinguono>>.

Collisioni festival/Barolo (CN)/ dal 14 al 18 luglio 2017/www.collisioni.it