VINOVIP AL FORTE. BOTTEGA PREMIA STEFANIA SANDRELLI DI FRANCESCA FIOCCHI

thumbnail (1).jpg

Stefania Sandrelli, vino, Toscana e un legame speciale con il Veneto da venticinque anni. Vi chiederete il perché. Lo racconta l’attrice e imprenditrice a VinoVip, l’evento organizzato da Civiltà del bere, per la prima volta a Forte dei Marmi. Intervistata da Alessandro Torcoli alla Capannina, storico locale simbolo della Versilia, la Sandrelli racconta il suo impegno in questo primo quarto di secolo nel promuovere il Chianti Classico e il vino italiano nel mondo al fianco di un noto produttore trevigiano di vino e distillati, Sandro Bottega. VinoVip che si sposta dalle Dolomiti, dove la formula dal 1997 a oggi è ormai collaudata, alla Versilia. L’idea di base è dare continuità alla valorizzazione del made in Italy enoico di eccellenza, che vale quasi 14 miliardi di euro l’anno con l’indotto: negli anni dispari il summit di Cortina dove imprenditori di successo si confrontano su temi di attualità facendo il punto della situazione e VinoVip al Forte negli anni pari. Una prima edizione che ci è sembrata ben riuscita non solo per l’afflusso di pubblico (preparato) e per la squadra di giocatori eccellenti messi in campo da Civiltà del bere in una storica degustazione alla Capannina (54 aziende e 153 vini), ma anche per l’intenso programma di dibattiti alla Fondazione Villa Bertelli, un approfondimento culturale che ha animato la giornata e che ha avuto la sua sintesi perfetta nel discorso di Angelo Gaja, oltre che un momento commovente nella consegna del premio Khail 2018 a Cesare Pillon, storica e ragionata firma del vino italiano. Tante le produttrici presenti, titolari d’impresa e membri dell’associazione nazionale Le Donne del Vino: da Antinori a Masi, da Zenato a Elisa Dilavanzo con il suo famoso Moscato Giallo.

DSC_0180

DSC_0198

STEFANIA SANDRELLI E BOTTEGA. Un sodalizio professionale che continua con successo e una bella amicizia. “Il progetto nasce dalla passione di Stefania Sandrelli per la sua terra, la Toscana. E dalla voglia di creare qualcosa di unico che potesse esprimere tutta la bellezza e la piacevolezza di questo territorio”, racconta Monica Lisetto, compagna di vita di Sandro Bottega, qui in rappresentanza dell’azienda (in foto di copertina con Alessandro Torcoli, direttore ed editore di Civiltà del bere, e con l’attrice, cui ha consegnato un premio speciale). Per la Sandrelli un’avventura professionale intrapresa insieme al compagno Giovanni Soldati, noto sceneggiatore e regista, e all’imprenditore Sandro Bottega. “Il vino porta il nome poetico di Acino d’oro, quasi a evocare quella poesia della terra di cui scriveva il grande Mario Soldati”, continua Monica. “Si tratta di un Chianti Classico Docg che nasce nell’area storica di produzione. Quest’anno festeggiamo i nostri primi venticinque anni di collaborazione. La prima etichetta è del ’93, annata ’91, e porta la firma di tutti e tre i protagonisti. Il lavoro è reso piacevole dall’amicizia. Stefania è di famiglia: Sandro conosceva il papà di Giovanni, Mario Soldati, e da lì è diventato amico del figlio e poi di Stefania”. Nel 2005 nasce la riserva di Acino d’oro, affinata per l’80% in botti di rovere di Slavonia e per il restante 20% in tonneaux da 500 litri di rovere di Nevers, Troncais, Allier. Il periodo di maturazione in botte è di 24 mesi.

thumbnail (1)

(Sopra, il salotto vip dell’evento con Stefania Sandrelli, Monica Lisetto e Anna Pesenti Buonassisi)

DSC_0169.JPG

(Gran tasting alla Capannina con l’Amarone Bottega, qui rappresentato da Stefano Bottega)

Con Bottega siamo 50 chilometri a nord di Venezia, ma l’azienda conta su altre due realtà produttive, in Valpolicella e a Montalcino. Il sogno ha inizio nel 1977 con Aldo Bottega. Una solida realtà che oggi oltre al vino esporta in 140 paesi del mondo e nei duty free aeroportuali più prestigiosi le sue grappe monovitigno, i distillati maturati in barrique, i liquori a base di frutta e di crema e i Vermouth realizzati con la consulenza di Lamberto Vallarino Gancia. Nel 2017 il gruppo ha chiuso l’esercizio poco sotto i 58 milioni di euro, con un +7% nei vini e negli spumanti e con un +25%  negli spirits (grappe, liquori e altri superalcolici). Il prodotto più venduto in travel retail (canale di rilievo per l’azienda) è il famoso ProseccoGold. “Siamo il terzo spumante al mondo dopo Moet & Chandon e Veuve Clicquot”, spiega Monica. Un universo Bottega scintillante, glamour, lussuoso con le sue bottiglie dal design raffinato, vere opere d’arte oggetto di esposizioni internazionali. Continua: “Sono bottiglie frutto di continua ricerca e sperimentazione, che coniugano un fare artigianale con il lusso. Rappresentano il nostro bigliettino da visita nel mondo”. Monica è l’artefice del successo di queste bellissime bottiglie perché da più di venticinque anni si occupa del packaging e del design  di Bottega. “Io e Sandro siamo cresciuti insieme in questi progetti, li condividiamo e poi io li perfeziono. Li sento figli miei, come l’azienda, che non è soltanto il mio lavoro ma luogo di affetti”. Sta riscuotendo successo anche la linea wedding, pensata per matrimoni e altre ricorrenze importanti. “Come bomboniere funzionano di più i formati piccoli: i birilli Gold e Rosé Gold e le creme”.

thumbnail.jpg

(Al centro, Gianni Bruno, direttore commerciale di Vinitaly. Da sinistra, Gianluca Bisol, Maria Ida Avallone, Anna Pesenti Buonassisi, Elisa Dilavanzo e Monica Lisetto Bottega)

Ad agosto le vacanze alle Seychelles, dove sarà inaugurato un nuovo wine bar Prosecco, un format che Sandro Bottega sta portando in giro nei luoghi più esclusivi del pianeta. Sandro Bottega che, ricordiamolo, a maggio ha vinto il Riedel Wine Maker of the Year, a lui consegnato dalla Cambdrige Food &Wine Society, una sorta di oscar del vino. “I Prosecco bar sono uno dei nostri modi per esportare cultura, made in Italy, imprenditorialità di eccellenza. Un saper fare che fa parte del dinamismo di questa azienda”, conclude Monica. A noi non resta che aspettare le foto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...