WINECODE DEL GIOVEDÌ VI CONSIGLIA…

Oggi siamo nelle Marche, nella zona più antica di coltivazione del Verdicchio dei Castelli di Jesi, con Le Vaglie di Santa Barbara, cantina con sede produttiva in un monastero, dal nome della santa protettrice dell’omonimo borgo, antico avamposto longobardo. Il sogno di Stefano Antonucci, un visionario alla ricerca della perfezione stilistica. I suoi sono vini moderni ma non piacioni, eleganti e dinamici, dall’ottimo rapporto qualità-prezzo, perché in Italia, a differenza che in Francia, si può bere benissimo nella fascia media. Vigne tra i 25 e i 40 anni, spalmate su 45 ettari di terreno lungo le colline che dal comune di Barbara attraversano Serra de Conti, Montecarotto, Arcevia fino ad arrivare a Morro D’Alba e Cupramontana. Terreni argillosi e ricchi d’acqua tra il Mare Adriatico e la catena degli Appennini. Siamo a 260 metri s.l.m.. Questo Verdicchio nella sua vibrante gioventù e con la sua vivace acidità e freschezza è uno dei migliori mai degustati. Varietale, preciso, pulito. Di ottima corrispondenza gusto-olfattiva tra il floreale di campo, l’agrumato e finissime erbe aromatiche, con un tocco vegetale e un finale sapido e leggermente ammandorlato. Di buona struttura e corpo, con un tenore alcolico che lo rende equilibrato, se ne intuisce il potenziale di invecchiamento. Giovane è bello e invita a un altro sorso, invecchiando acquisterà in intensità gusto-olfattiva. Un Verdicchio senza sovrastrutture che si lascia intuire già al naso nella sua essenza, nel suo spessore. 

Il Verdicchio è un vino a tutto pasto di struttura. L’abbinamento classico è con ostriche, crostacei, molluschi gratinati, primi e secondi piatti di pesce salsati, preferibilmente senza aceto. Che dire con un rombo con patate, un branzino al cartoccio o un’ombrina o un persico gratinati? Da provare con il brodetto di pesce o con una paella ai frutti di mare. Anche con un pizzico di peperoncino. Via libera al sushi, alla tempura di gamberi, alle cozze gratinate. Ma attenzione alle carni bianche, sì alle preparazioni più semplici ma saporite (con qualche condimento) e preferibilmente con contorno, come crocchette di pollo o tacchino aromatizzate, petti di pollo o tacchino con i funghi, quindi no a carni bianche bollite, alla piastra o alla griglia. Noi lo consigliamo anche con trofie al pesto, fettuccine al tartufo, olive ascolane. Mentre il suggerimento gourmet della settimana è con calamari arrostiti su crema di cannellini e concasse di pomodoro preparati dallo chef del Caffè & Ristorante Commercio di Vigevano (Pavia).

SANTA BARBARA

VERDICCHIO CASTELLI DI JESI DOC CLASSICO

LE VAGLIE - 2018

Zona di produzione

BARBARA IN PROVINCIA DI ANCONA (MARCHE- ITALIA)

Vitigni

VERDICCHIO

Vinificazione

LA VINIFICAZIONE AVVIENE IN SERBATOI DI ACCIAIO CON UN CONTROLLO COSTANTE DELLA TEMPERATURA DI 10-12 GRADI

Alcol

13 %

Formato

0,75 L

Temperatura di servizio

8-10 °C

Tipologia

BIANCO SECCO

Prezzo consigliato dalla cantina

10 €