thumbnail

Ad aprire domani Anteprime di Toscana sarà Rocca di Frassinello, e lo farà con un video-racconto di sei minuti in cui l’architetto Renzo Piano, che ha disegnato la cantina, svelerà la sua visione nel nome del vino e dell’architettura (https://winestopandgo.com/2019/02/01/anteprime-di-toscana-e-lappello-del-consorzio-del-chianti/). Grande attesa alla Fortezza da Basso, a Firenze, per l’inaugurazione ufficiale dove sono attesi oltre duecento giornalisti di settore tra stampa nazionale ed estera. All’azienda di Grosseto, nata nella Maremma Toscana nel 2007 da una joint venture tra Castellare di Castellina e Domains Barons de Rothschild-Chateau Lafite, il compito di raccontare la Toscana attraverso la sua viticoltura di eccellenza che lega insieme arte, storia ed archeologia grazie al recente rinvenimento di una necropoli etrusca nelle sue vigne (https://winestopandgo.com/2018/11/04/la-necropoli-etrusca-a-rocca-di-frassinello-di-francesca-fiocchi/ ).

thumbnail (1).jpg

Nel video Renzo Piano racconta la genesi del progetto per dare vita all’unica cantina che abbia mai disegnato nella sua prolifica carriera, attraverso aneddoti, riflessioni personali suggestioni, scambi di opinioni con Paolo Panerai. Nel pensiero di Renzo Piano le architetture non devono essere “monumenti a se stesse” ma funzionali. Renzo Piano, tra l’altro, è membro onorario del  Baffonero Club. Baffonero è un 100% Merlot firmato dall’enologo Alessandro Cellai e rappresenta la sfida lanciata al re dei Merlot italiani, il Masseto, nello spirito dell’America’s Cup. Tiratura limitata, single vineyard, resa bassissima in vigna, nell’ordine di 18 quintali ad ettaro. L’idea alla base è sfruttare il percorso della vendita en primeur agli aderenti al club.

Dal 2017 Rocca di Frassinello fa parte di Toscana Wine Architecture, una rete di quattordici cantine d’autore firmate da architetti di fama, nata con il patrocinio della Regione Toscana, che hanno fatto investimenti significativi e hanno deciso di puntare su una strategia comune di accoglienza che fa leva su vino, territorio, arte, rispetto per l’uomo e l’ambiente. Una cantina inserita più volte da Architectural Digest nella classifica delle “cantine di design più belle al mondo”.

Che le Anteprime di Toscana abbiano inizio!