IL NOSTRO VENERDÌ È… ROSSO

Oggi consigliamo un Supertuscan della prima ora, il Flaccianello della Pieve, vino che più di ogni altro ha determinato il successo di Fontodi. Siamo nella Conca d’Oro di Panzano, nel comune di Greve in Chianti. Un’oasi particolarmente vocata alla coltivazione della vite, dove il rispetto della natura è un mantra. Il rimando al sangiovese è immediato. L’olfatto è di una ricchezza disarmante: viola nettissima, piccoli frutti rossi maturi, ma anche spezie, funghi, terra, un intrigante terziario di cuoio e di china, con continui ritorni balsamici. Un vino che quando si apre sale esponenzialmente in complessità. Ossatura importante, legno integrato, al palato è caldo e pieno senza scordarsi della freschezza che si evidenzia all’attacco. L’eleganza è allacciata all’intensità. Di grande sostanza e longevità. Lunghissimo e magnifico.

 

Ottimo in accompagnamento con piatti importanti di carni rosse, come un filetto al pepe verde o una chianina anche alla brace, con preparazioni a base di selvaggina o cacciagione, superbo con i tagliolini al sugo di lepre. Noi lo abbiniamo con maialino da latte cotto al sale, sedano rapa e funghi cardoncelli dello chef Marco Necchi. Classe italiana.

COLLI TOSCANA CENTRALE IGT “FLACCIANELLO DELLA PIEVE” 2005 – FONTODI